angolo

Non trattare da priorità chi ti tratta da opzione, dice qualcuno.

Ma davvero è così facile?

O quando ci si innamora finiamo per fare cose di cui poi ci pentiamo, che ci fanno perdere valore agli occhi della persona che vorremmo invece ci valorizzasse e che, soprattutto, ci fanno apparire senza dignità?

Qualche anno fa mi ero innamorata di un ragazzo… ma proprio follemente… avevo una cotta spaventosa e, di conseguenza, facevo delle idiozie incredibili.

Diventavo sistematicamente il suo tappetino pur di ricevere qualche attenzione e, quel che è peggio, ero convinta che lui mi ricambiasse in qualche meandro nascosto della sua mente, ma che non avesse il coraggio di esprimerlo, di viverlo, di comunicarlo a se stesso a me e al resto del mondo.

Così bastava che lui facesse due o tre moine, ed io mi convincevo si trattasse di chiari segnali di interesse, e praticamente, senza rendermene conto, lo stalkerizzavo.

Se ci incontravamo in giro e scambiavamo anche solo due chiacchiere, appena tornavo a casa gli scrivevo.

Lui a stento mi rispondeva e io iniziavo il tour delle pippe mentali alla ricerca di cosa avessi scritto di male, di “troppo” o di “troppo poco” per spingerlo a non rispondere ai miei messaggi.

Era sempre colpa mia.

Era colpa mia se non mi scriveva mai lui per primo, era colpa mia se non mi rispondeva quando ero io a cercarlo, era colpa mia se non si era innamorato di me come lo ero io.

Tutto era colpa mia.

Ed in effetti, in qualche modo, avevo ragione: ero io a guardare tutto quello che accadeva tra noi col prosciutto sugli occhi; ero io che volevo vedere amore lì dove al più c’era una vaga attrazione fisica (e forse nemmeno), ero io a dare un significato particolare a gesti insignificanti o a normali gentilezze che il tizio in questione adottava nei miei confronti solo per non farmi restare troppo male, per essere gentile, o magari perchè, semplicemente, in quel momento X gli andava di fare una certa cosa che nel momento Y non gli andava più.

Non era lui ad avermi illusa, ero stata io ad auto-illudermi, nascondendo a me stessa la presenza di 3 segnali chiavi che ti dicono quando non gli piaci abbastanza:

  1. Non ti cerca: e quando si dice “non ti cerca” si intende “non ti cerca”: è vero che non tutti quelli che ti cercano poco sono da dare per spacciati (come diciamo nel Manuale “Quando lui non chiama“), ma, quali che siano le motivazioni che gli impediscono di cercarti, un uomo che non ti cerca non vuole veramente stare con te. Potrebbe non volerlo per mille motivi, perché è appena uscito da una storia difficile, perché sta con un’altra che non vuole lasciare, perché ha dei figli con una donna che non lo lascia libero, perché ha paura di impegnarsi ecc, ecc, ecc… le scuse che ci raccontiamo sono mille… ma la verità è che se non ti cerca, non ti vuole vedere/sentire/avere come lo vuoi tu! E questa discrepanza già dovrebbe darti il primo segnale per frenare un po’ i tuoi entusiasmi e le tue auto-illusioni.
  2. Se ti cerca lo fa solo per venire a letto con te, poi scompare, non ti scrive e non ti risponde: … veramente… c’è bisogno che commentiamo questo punto? No. Non ce n’è bisogno. E se ne senti il bisogno allora è il caso che tu dia un’occhiata al nostro Manuale “Se ti tratta come se non gli interessassi non gli interessi davverocliccando qui.
  3. Ti cerca dopo aver passato la notte con te, ma sempre per vederti in clandestinità: va bene ti cerca, va bene ti ricerca, ma poi, dove ti porta? Li conosci i suoi amici? Lui conosce i tuoi? Ti rendi conto che la storia che avete è una storia di sesso e non una relazione di amore vero? Riesci a vedere il fatto che c’è tanta passione e carnalità, ma la cosa finisce lì? E che mentre tu pensi a cosa regalargli a san valentino lui penserà solo alla camicetta che avrai al prossimo incontro? Attenzione, non stiamo dicendo che la passione e la spinta sessuale non siano autentiche forme di interesse di un uomo verso una donna, stiamo solo dicendo che non bastano a definire quello che c’è tra voi. E non stiamo nemmeno dicendo che sia “sbagliato” avere una storia di solo sesso con un uomo, ma solo che, in tal caso, è bene che tu non ti dica bugie e che non ti illuda di stare vivendo un altro tipo di relazione. Perché troppo spesso ci facciamo male da soli, nel disperato tentativo di nascondere a noi stessi come stanno davvero le cose.

Vuoi una mano a chiarirti le idee su una relazione confusa che stai vivendo? Hai il dubbio di non piacergli abbastanza e stai iniziando a pensare di esserti fatta solo una serie di illusioni?

Allora il Manuale “Se ti tratta come se non gli interessassi, non gli interessi davvero” può aiutarti a chiarirti le idee e se avessi bisogno di una Consulenze Personalizzata, anche a distanza, ti ricordiamo che puoi richiedere subito un appuntamento cliccando qui.

Anche questa è SeduzioneVera

Share Button
Manuali per Donne

manuale quando lui non chiamamanuale per addestrare l'uomo-canemanuale se non gli piaci abbastanzamanuale riconquista il tuo exmanuale SPORCHI TRUCCHI per legarlo a teminibannerancorsasingle 10 tipi di uomini da evitaremanuale per averlo ai tuoi piediminiannerPaureDonneminiBANNERcuorespezzato
Banner_sesso

Manuali per Uomini

minibanneropenersminiriconqleiminiBANNERcuorespezzato

Percorsi di seduzione


unicasoluzionedonne2unicasoluzioneuomo2 minibannerpercorsodonnemnibannerpercorsouomini

Prodotti Audio


BANNERaudio4