angolo

donna-solitudine

Hai già avuto le tue relazioni, magari anche durate molto a lungo e non sono finite bene.

Dopo aver trascorso un certo periodo della tua vita a rimbalzare da un uomo all’altro ti sei detta: “beh, mi sa che è il caso di fermarsi per rimettere ordine dentro di me”, e lo hai fatto.

Ti sei presa il tuo tempo, magari sei andata a vivere da sola, hai cambiato città, amici o semplicemente taglio di capelli, ma sicuramente, in un modo o nell’altro hai deciso di prendere le misure con la tua solitudine, farci i conti e tenerti un po’ lontana dalle situazioni sentimentali incasinate e nocive.

Ma dopo tutto questo, adesso che guardi dalla finestra del tuo appartamento senza avere nessun appuntamento per cui prepararti, né uomo in arrivo per farti compagnia durante la notte, ad un certo punto ti domandi: “E se stessi esagerando? Non è che, magari, mi sto abituando TROPPO a stare da sola? E se continuando così non riuscissi più a trovare nessuno?”.

Eccoci qui, davanti un aspetto della tua vita attuale su cui fare chiarezza: ma la tua solitudine è benefica o nociva? Hai semplicemente imparato a stare da sola, o per caso sei andata un po’ oltre e dalla solitudine sei passata sulla via per l’isolamento?

Perché sai, chi sa stare da solo ha poi meno problemi in coppia, perché non teme la dipendenza, gestisce meglio le minacce di abbandono e sa vedere più chiaramente cosa vuole dalla propria vita e dalla relazione che sta vivendo. Ma chi invece si isola pian piano non riesce più ad avere delle interazioni autentiche con gli altri, soprattutto in campo sentimentale, perché l’isolamento è una posizione di fuga dalla paura di soffrire ancora e non una maturazione verso l’indipendenza come invece spesso si crede.

La linea è molto sottile ma ci sono dei segnali da cui puoi renderti conto se dalla sana solitudine stai passando all’isolamento per interrompere ed invertire la tua tendenza…

Eccone 3:

1) Preferisci restare a casa da sola invece che uscire con gli altri

Magari hai smesso di uscire con i tuoi vecchi amici, perché non senti più di avere la connessione di un tempo con loro, oppure, eviti di uscire con persone che non conosci da molto tempo perché vorresti subito delle relazioni più profonde e con quelle superficiali non ti senti a tuo agio. Ma nonostante sia comprensibile, devi capire che prima di arrivare in profondità devi passare necessariamente per la superficie! E questo vale soprattutto con gli uomini. Quindi, se sei solita evitare feste, cene fuori, inviti per andare al cinema ecc… abbandona questo comportamento e la tua inerzia e, semplicemente, indossa un paio di jeans ed esci. Non importa come sarà, tu intanto esci!

 

2) Stai male ma cerchi di non pensarci

Troppo spesso quando ci sentiamo irrequieti, annoiati, tristi e sconfortati cerchiamo semplicemente di zittire certe sensazioni per non stare male. Magari torni a casa con una strana sensazione nello stomaco e invece di pensare a cosa potrebbe aiutarti per sentirti meglio anche a lungo termine, preferisci anestetizzare tutto gettandoti sul divano a guardare la TV per poi andare direttamente a dormire. Ecco, atteggiamenti come questo portano invece all’isolamento. Le emozioni invece hanno da dirti qualcosa. Sempre! Se devi scegliere tra l’ascoltarle ma non capirle e lo smettere del tutto di interrogarle, scegli la prima opzione! Forse vogliono dirti che hai bisogno di interazioni sociali, di persone con le quali stabilire dei rapporti significativi. Non drogarti di TV. Ascoltati. Le emozioni ti muoveranno verso una vita migliore.

 

3) Stare in mezzo alla gente ti provoca repulsione o disagio

Se è già da un po’ che tendi all’isolamento, molto probabilmente adesso avrai un po’ paura o disagio nell’affrontare la gente. Per cui un invito a cena a casa di amici ti sembra più un inferno che una bella occasione per divertirti. Così aspetti di ricevere un invito che ti faccia sentire più a tuo agio, ma più aspetti, meno ne arrivano, finché anche andare al supermercato ti inizia a sembrare sgradevole ed emotivamente scomodo. La soluzione è la pratica. “ri-abituarti” al mondo delle persone e della civiltà, così differente dal tuo bosco interiore isolato. Più affronterai le cose che ti spaventano e mettono ansia, meno ansia ti metteranno man mano, fino a che non proverai perfino piacere e divertimento nel farle.

E’ un percorso, ma puoi iniziarlo!

Non è facile tornare in pista, soprattutto se durante il tuo ultimo giro sei caduta e ti sei rotta la gamba. E poi, dopo una relazione dannosa finita, è normale pensare: “adesso devo cavarmela da sola e non voglio mai più sentirmi come mi sono sentita in passato!”. Ma da questi pensieri, che sono sani e legittimi, è facile poi cadere nell’inerzia e passare dall’altro lato della medaglia.

Perché se è vero che saper stare da soli è indispensabile per poter vivere bene in coppia è altrettanto vero che la pace che si prova nell’isolamento non è altro che un inganno, effetto del sollievo che da la fuga dalla vita e dalle cose che temi potrebbero ferirti o che non ti senti in grado di gestire.

Ecco perché vogliamo darti una mano, in 2 modi:

  1. Il Manuale “Perché sono ancora single?”(clicca qui per scaricare l’estratto Gratuito) con la descrizione dei 5 più grandi errori che potresti fare e che ti portano a mantenere le distanze dagli uomini;
  2. Le Consulenze Professionali che puoi richiedere per iniziare un percorso di cambiamento cliccando qui.

Anche questa è SeduzioneVera.

A presto!

Share Button
Manuali per Donne

manuale quando lui non chiamamanuale per addestrare l'uomo-canemanuale se non gli piaci abbastanzamanuale riconquista il tuo exmanuale SPORCHI TRUCCHI per legarlo a teminibannerancorsasingle 10 tipi di uomini da evitaremanuale per averlo ai tuoi piediminiannerPaureDonneminiBANNERcuorespezzato
Banner_sesso

Manuali per Uomini

minibanneropenersminiriconqleiminiBANNERcuorespezzato

Percorsi di seduzione


unicasoluzionedonne2unicasoluzioneuomo2 minibannerpercorsodonnemnibannerpercorsouomini

Prodotti Audio


BANNERaudio4